Feed RSS

più tardi, magari, onda…

Inserito il

domenica sera sono andata a vedere caos calmo con un’amica. alberto aveva da lavorare.

 

è una delle poche volte che la trasposizione cinematografica di un romanzo che mi era piaciuto non mi delude…

ambientazione molto fedele. ricostruzione della storia quasi perfetta, attori calati nei personaggi, tanto che non abbiamo avuto difficoltà a riconoscerli: erano quelli i volti e l’aspetto che avevamo dato loro leggendo il libro.

un moretti nevrotico al punto giusto, la ferrari tagliata per quella parte, la bimba credibile, dolcissima e per niente lagnosa, la ragazza del cane bella e desiderabile come di più non si può, il fratello, un alessandro gassman rampante e gasato e anche la golino, la cognatina, molto attendibile nella sua parte di ragazza cattiva.

colonna sonora gradevole, la scena di sesso incriminata quella sì un po’ forte, ma non gratuita,  perché come scrive elia baffoni sull’unità, il romanzo e il film hanno per oggetto: “ la presenza della morte nella nostra vita che è terribile, e che solo la vita può scalzare. sì, anche con il sesso”

al ritorno mi sono precipitata nello studio di alberto per parlargliene.

"un gran bel film, alberto…"

senza levare lo sguardo dai suoi libri, mi ha fatto un cenno con la mano:

 “ora no… me ne parli più tardi, magari, onda…”

 

Annunci

»

  1. Che bel post.

    Mai visto un film di Nanni moretti.

    Magari questa volta vado.

    Mi incuriosisce queele due righe:”la presenza della morte nella nostra vita è terribile, solo la vita la può scalzare. Sì, anche con il sesso”

    Io sono per laricerca continua della vita in ogni sua essenza.

    Baci.

    Greta.

    Rispondi
  2. Sì credo proprio che andrò a vederlo. Sia per la mia storia personale ma anche perchè Moretti attore mi piace più di Moretti regista (vedi il portaborse o la seconda volta). Molti film suoi mi piacciono ma ogni tante scade nell’egocentrismo.
    Mi spiace che il tuo compagno ti faccia dispaicere è la seconda volta in una settimana che ce lo racconti…ma dimmi…lavoro di domenica sera…non è normale, si trova forse in un periodo difficile da questo punto di vista?

    Rispondi
  3. ciao. Anche io sono andata a vedere “Caos calmo”. In effetti è fedele al libro, che ho letto e devo dire ho fatto fatica a finirlo. Mentre il film scorre abbastanza. Lui a me non piace molto,ma questa parte sembrava tagliata su misura per lui, che sembra calmo , ma non lo è proprio. Insomma, si può vedere. La scena di sesso,meglio quella che certe scene da horror. Mi dispiace che la tua dolce metà continua a essere molto loquace. Lavorare di domenica sera….. almeno il giorno. Fagli un pò di coccole forse na ha bisogno. ciao buona scuola penny

    Rispondi
  4. Ciao andrò in settimana, poi torno a dirti.Una buona serata franca

    Rispondi
  5. vorrei andare anch’io a vederlo…sono tornata a scuola da lunedì…ma che fatica…sono pure nervosa, in compenso le classi sono decimate!

    Rispondi
  6. anche mia nonna l’ha visto e mi ha detto che era bellissimo ma non ho tempo di andare al cinema adesso, magari me lo scarico poi…….
    comunque secondo me anzichè parlargli del film dovresti arrivargli da dietro mettegli le braccia attorno al collo, tirargli dolcemente la testa indietro e dargli un bel bacio…… poi gli racconti di caos calmo, ma c’è tempo ;P………..
    ps. L’accendiamo era un sì, non è vero????

    Rispondi
  7. ho comprato il libro e mi aspetta in fila tra quelli comprati di recente
    lo leggero lo so prima o poi lo faro
    per quanto riguarda il compagno ricordati solo che viaggiamo sugli stessi binari ma spesso non con la stessa velocita’
    sara’ il momento che lui vorra’ raccontarti o semplicemente cercarti e tu sarai in corsa per qualcos’altro e
    la vita di coppia e’ anche questo
    e sopratutto saper aspettare che l’altro ci raggiunga o semplicemente rallentando e aspettando un poco in fondo la vita a due puo essere molto lunga se si sa tenere il passo con amore
    ps
    sono felicissima che tu mi abbia
    citata ma ricorda che il mio giardino e il giardino di una semplice 🙂
    dolcegiorno donnaonda

    Rispondi
  8. E’ vero…la maggior parte dei film tratti da romanzi alla fine delude sempre!
    Sono davvero pochi quelli fatti bene…cmq resto dell’idea che sia sempre meglio un bel libro! 🙂

    Rispondi
  9. I pareri su questo film sono discordanti, c’è chi lo ha amato tanto e chi, invece, l’ha condannato senza scampo.La cosa migliore è farsi un giudizio personale…

    Rispondi
  10. gretagar
    beh, questo non è come gli altri suoi film… il regista non è lui… ma dicevo, sembra fatto apposta per lui…

    affabile
    sì, egocentrismo è proprio il vocabolo più appropriato…

    penny46
    grazie, penny. 🙂

    ceglieterrestre
    sì, franca, fammi sapere…

    tittidiruolo
    anche le mie lo sono… non stancarti, titti… 🙂

    La Scazzata
    sì, l’accendiamo era un sì… 😉

    ladolcetempesta
    grazie della preziosa metafora ferroviaria.
    p.s.
    a proposito della mia citazione, mi chiedo se tu l’abbia letta…

    SometimesIFeel
    sono d’accordo la parola srcitta è un’altra cosa… ma questo è un buon surrogato…

    treeonthehill
    … come al solito… 🙂

    Rispondi
  11. e “più tardi” gliene hai parlato? O hai rinunciato pensando che in realtà non gli interessasse affatto? A volte ci costruiamo dei film con una sceneggiatura debole – per restare in tema – e magari era “molto rumore per nulla” se mi permetti la citazione ;-))
    non ho visto il film e non ho letto il libro. Sono una fan di Nanni da sempre, ma questo film stranamente non cattura la mia attenzione.
    smack!

    Rispondi
  12. Io gli ho fatto notare che quando gli voglio parlare lui istintivamente alza il volume del televisore e questo non è carino per niente.
    Saremo anche binari paralleli, ma mi sembra che non ci sia punto d’incontro nemmeno all’infinito.
    Ti auguro che sia solo un momento.

    Rispondi
  13. astridonline
    no, me n’è passata la voglia…

    ormalium
    ricambio l’augurio

    Rispondi
  14. Ho letto il romanzo. Mi piace Veronesi come scrittore, e questo titolo:”Caos calmo” mi è sembrato azzeccato.
    Un film molto fedele al romanzo da cui è stato tratto: “Non è un paese per vecchi” di McCarthy, è stato reso benissimo al cinema.
    Ottima simbiosi libro/schermo

    Rispondi
  15. ciao gian. leggo con ritardo il tuo commento. anche a me è piaciuto il romanzo ed il suo titolo.
    anch’io ho visto “non è un paese per vecchi.” bello, molto fedele al testo, ma un po’ troppo splatter per i miei gusti, come tutto McCarthy del resto. 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: