Feed RSS

saggezza partenopea

Inserito il

sono un tantino in anticipo per scuola stamattina e mi concedo un caffè  seduta al tavolo della cucina con rosaria, la nostra amatissima collaboratrice familiare a giorni alterni.

dopo essermi informata sulla sua famiglia, la metto al corrente delle vicende sentimentali delle figlie.

le dico che a barcellona è improvvisamente ricomparso quel juan carlos, che ha accampato le scuse più improbabili alla sua latitanza, addirittura  il furto del cellulare e la relativa perdita dei numeri di telefono… aggiungo che ora alice, ammorbidita viepiù da oltre due mesi di assenza, lo chiama teneramente juan o juanito…

rosaria interrompe il mio sfogo di madre e sbotta: “i’chè fetend’…”

perché io mi distragga dalle mie preoccupazioni sulla figlia piccola, mi chiede poi di ilaria.
accoratamente e con dovizia di particolari, le racconto di quel malaugurato fine settimana nella campagna inglese, lasciandole intravedere il mio pessimismo sul lieto fine anche per la love story di ilaria..

rosaria mi ascolta con interesse. poi raccogliendo dal tavolo le tazzine e mettendole nel lavandino, mi conforta con una lapidaria espressione consolatoria:

“signo’… nun ce pensate… sta tutt’ scritt’…”

Annunci

»

  1. mmh, già e noi mamme a leggere!

    Rispondi
  2. Crdeo che Rosaria abbia ragione…i detti popolari si rivelano sempre saggi e pieni di verità!

    Rispondi
  3. Ciao, forse Rosaria ha ragione. Forse, invece, vale il proverbio (un po’ modificato) “Mariti e buoi dei paesi tuoi”. Mah, apri un blog psico-filosofico e chiedi conforto. Potrei raccontarTi dei miei figli (maschio e femmina). … Da brivido!

    Da qualche tempo, ormai, non riesco ad alimentare il mio blog più anziano questo: http://www.bloggers.it/banzai43 i motivi non li conosco. I titolari della piattaforma non rispondono ai miei “gridi di dolore”.
    Chi vuol trovarmi, allora, dovrà connettersi ad uno di questi altri due:

    http://banzai43.splinder.com

    http://banzai43.myblog.it

    LeggerTi è sempre un piacere.

    Ti aspetto. banzai43

    Rispondi
  4. ti ricordi la bloggher letizia jaccheri? ha ripreso scrivere sul suo blog….

    Rispondi
  5. io i dialetti del sud proprio non li comprendo o.o …peggio che l’inglese, e non scherzo!
    =D

    Rispondi
  6. Napoletana e fatalista, mi sa che non ha tutti i torti peraltro

    Rispondi
  7. buon fine settimana Onda e buona festa
    un abbraccio

    Rispondi
  8. ciao. I napoletani, sono proprio unici e inimitabili.Hanno una loro filosofia, per me è grande, e poi hanno, quasi sempre ragione nelle loro massime. E’ un popolo splendido. ciao buona serata penny

    Rispondi
  9. Non ti buttare giù, onda: in fondo chi non ha sofferto per amore? Le storie finiscono, a volte, ma ne cominciano anche di nuove e spesso molto migliori delle prime.

    Rispondi
  10. ah ah ah ma è splendida questa Rosaria

    Rispondi
  11. tittidiruolo
    sì, titti… noi mamme a leggere…e quanto abbiamo ancora da leggere…

    treeonthehill
    credo anch’io… 😉

    banzai43
    ciao. grazie.
    passo presto, appena finisco di correggere tutti questi compiti

    La Scazzata
    poco male, ragazza, se non capisci i dialetti meridionali… ma L’INGLESE… please!!!
    p.s. eppure così bella mora torinese proprio non ti ci vedo… (mi sa che tu l’inglese non lo impari, ma la mia lezione di depistaggio sì…)

    nonna carina
    bah… staremo a vedere… 🙂

    aniledaxeka
    grazie…
    hai ancora cambiato foto? e io come faccio a riconoscerti se non ti fermi?

    penny46
    sì, penny è una vera filosofia di vita…

    VelvetyScarlet
    lo so bene, ma, vedi, velvety… non è il futuro che mi preoccupa… è il fatto che soffrono che mi fa star male… per un genitore è meglio che sia lui stesso a soffrire piuttosto che sapere che il dolore tocca o toccherà i propri figli…

    novadiana
    sì, rosaria è splendida… le vogliamo veramente molto bene!

    Rispondi
  12. ..ah il napoletano :-)))

    Pensa Onda tra meno di due mesi mi sposo con un fantastico napoletano conosciuto in internet…mmm..però al momento come vocabolario partenopeo sono messa un pò maluccio…a parte “cazzimma”, “cagataro”…. :-)))))

    Rispondi
  13. ahahah…i napoletani ne sanno sempre una più del diavolo…! E com’è bello camminare per le strade del centro e sentirli parlare e gridare come se si stesse a casa loro…si nota che adoro questa città?! :-))

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: