Feed RSS

ancora nodi dell'anima

Inserito il

tutti i commenti alle mie lamentazioni sul blog sono intelligenti e sensati, e soprattutto apprezzo la vostra partecipazione ed il vostro compenetrarvi nei miei problemi.

in molti mi consigliate di parlare ad alberto, ma non è affatto facile…
 
a questo proposito accontento la mia la mia amica delphine56 e riporto un mio vecchio post.
sono andata a riprenderlo e ho scoperto che già tanto tempo fa cominciavo ad avvertire che qualcosa non andava.
 
eccolo, è del 26 ottobre 2007 (quanto tempo è passato!), l’avevo intitolato “i nodi dell’anima”:
 
Che cosa non ha funzionato?
Quando è stato che il perfetto meccanismo della nostra coppia si è inceppato?
 
Cerco negli angoli del passato un incidente, un episodio, una piccola coincidenza che abbia potuto far scattare l’inizio di questo deterioramento.
 
Rivedo noi stessi alle prese con i bimbi piccoli. Tante attese, attese continue, la fatica del quotidiano, piccole scaramucce e poi sorrisi. Nel tuo sguardo che incrociava il mio, qualcosa che percepivo come una perfetta sintonia.
E ancora noi con le ragazze adolescenti e Andrea bambino… e le note della nostra intesa che continuavano a dar forma e voce ad un’unica compiuta melodia…
 
Tormentata da questo continuo rimescolio nella mia anima, a volte sarei tentata di parlartene.
Ma non ce la faccio, fatico a trovare il registro giusto. E quello delle parole scritte, che è l’unico che sento mio, mi sembra assolutamente inadeguato ad un chiarimento tra noi.
 
E’ questo il motivo per cui continuo a scrivere, a te e a me stessa, lettere che so che non ti invierò mai… le parole, quando si scrivono sono diverse, nascono, prendono a vivere e scorrono sul foglio velocemente, come un filo di un gomitolo che, dipanato fino alla fine, forse districherà anche i nodi della mia anima…

Annunci

»

  1. Non so dire se mi fa piacere che tu l'abbia trovato….. sono passati tre anni.
    Purtroppo i nodi vengono al pettine e bisogna affrontare le situazioni. Districare quei nodi, rifare la matassa dei pensieri….è un'operazione dolente e complessa.

    Rispondi
  2. Capisco che parlare con Alberto non sia facile. Probabilmente lui avverte il cambiamento con minore intensità di quanto non lo avverta tu.
    Però non vedo altre strade se non affrontare serenamente il discorso, tenendo conto che, con l'andare del tempo, un cambiamento nei rapporti fra coniugi è inevitabile….
    E perché non far leggere quello che tu, con tanta sensibilità, hai scritto?

    Rispondi
  3. stampa SUBITO 'sta roba e mandagliela.

    Rispondi
  4. capita che noi donne ci si accorga prima…

    Rispondi
  5. Ribaltando quanto ti ho detto nell'ultimo post ti reciterò una massima contenuta nell'Edipo Re: "Come è triste il sapere / quando non giova a chi sa".
    Sei proprio sicura di voler conoscere la causa del cambiamento e anche che, sapendola, potresti cambiare le cose? In un campo, inoltre, così labile e volubile come quello dei sentimenti, che per giunta riveste scarso interesse per gli uomini? Mah.
    Come dire: o parli e ti rassegni, o stai zitta e ti rassegni. Le cose non cambieranno comunque.
    Leela

    Rispondi
  6. ciao,leggo con piacere che hai trovato un po' di serenita'..
    leggo spesso anche se non commento quasi mai..

    un abbraccio,Giuse

    Rispondi
  7. Io sono di un'opinione: l'amore, quando è vero, non finisce MAI. Il sentire, la passione finiscono o cambiano, l'amore no. Sei sicura che si tratti di un lento deterioramento e non di un accrescimento in felice maturazione? Non ti accorare più del necessario, parlate con calma dell'amore che cambia crescendo, abituatevi ad esso e pigliatevi qualche sfizio insieme: imparate il tango, la salsa, il tamburo, fate palestra, dieta dimagrante, dieta disintossicante, dieta ingrassante, collezionate barzellette su internet, andate a pesca, alla partita, a fare shopping, mettetevi a ridere insieme, funzionerà.

    Rispondi
  8. La vedo dura, Onda …se lui non sente come te…son cose che si devono sentire dentro in primis personalmente.. l'unica cosa che puoi fare è cercare di capire se lui capisce e come pensa, ..Certo Onda .. se ancora ti interessa che LUI  capisca il vostro essere coppia ti interessa ancora.

    Pensa a quali sensi di colpa avresti se arrivaste ad una separazione, e tu non avessi tentato alcuna comunicazione.
    (scusa i congiuntivi. e i condizionali.)

    Rispondi
  9. Starei attenta ad affrontare ora il discorso con Alberto, la lontanaza non gioca a favore del dialogo, certi argomenti vanno affrontati de visu, però sono d'accordo con Leela: sei davvero pronta a sapere?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: